Domotica integrata: regolare la temperatura e rispondere al citofono da un solo touch screen

13

Sicurezza e comfort massimi

Nei film di fantascienza non è raro vedere i personaggi attivare varie funzioni della propria casa semplicemente dando istruzioni ad alta voce a un’intelligenza artificiale. Al momento i comandi vocali – come sa bene chi ha a che fare con un’assistente virtuale dello smartphone – non sono ancora accurati al 100% e inoltre rimangono limitati a singole funzioni; la domotica integrata, invece, rappresenta il futuro a portata di mano in ambito domestico.

Con questo termine si intende infatti una tecnologia pone in connessione diversi sistemi e impianti dell’abitazione come quelli che gestiscono illuminazione, riscaldamento, elettrodomestici o sorveglianza, rendendoli automatici e intelligenti (cioè in grado di imparare dalle nostre abitudini) e sopratutto controllabili con pochi click, sia da pulsantiere locali che da remoto, attraverso device quali smartphone, tablet o pc.

Per quanto a un primo sguardo possa sembrare semplicemente suggestiva e avveniristica, la domotica integrata risponde a esigenze reali e pressanti. In tal senso contribuisce non solo al miglioramento della vita quotidiana, mediante comodi automatismi che si adattano agli scenari più disparati, ma anche a un sensibile risparmio economico, limitando sprechi e consumi eccessivi. 

Caratteristica degli impianti forniti dalle aziende di domotica è l’architettura modulare, che permette l’installazione di pulsantiere, sensori o diffusori perfettamente integrati con ogni struttura e proporzionati alla metratura. L’estetica dunque è salva, e non si dovrà temere di dover cambiare appositamente tablet, smartphone o televisori, essendo gli impianti studiati per rispondere alla stragrande maggioranza dei brand presenti sul mercato.

Domotica integrata: proteggere casa, dall’interno e dall’esterno

Ma veniamo alle applicazioni pratiche, in primis quelle riguardanti la sicurezza, tra le maggiori preoccupazioni degli italiani. Le operazioni più semplici che riguardano questo campo possono essere la risposta a distanza, da qualsiasi punto della casa, al videocitofono, con possibilità di salvare i filmati o rivedere quanto avviene al di fuori dell’edificio.

Più complessa e affascinante, invece, la simulazione della propria presenza in casa quando si è assenti per lungo tempo: luci e stereo possono attivarsi a intervalli regolari per scoraggiare eventuali intrusioni, o ancora, nel caso scatti l’allarme antifurto, è possibile predisporre simili misure con tanto di apertura immediata delle tapparelle, al fine di spaventare i ladri.

14

La sicurezza è fatta però di piccole accortezze, e i genitori lo sanno bene. Per evitare che i più piccoli si facciano male ecco l’opzione per disattivare le prese dell’elettricità, in modo che possano giocare senza rischi di incidenti. Un’altra importante applicazione pratica è la possibilità di controllare i bambini o gli anziani anche a distanza grazie alla video sorveglianza.

16

Domotica integrata: addio a coperte e ventilatori

Altro fattore molto apprezzato dalle famiglie che hanno installato un impianto domotico è quello relativo al riscaldamento. Differenti locali – si pensi a una cucina, una sala in cui ci si allena e uno studio – avranno bisogno di temperature medie differenti, impostabili con pochi click adattate in modo automatico dal sistema in base alle abitudini dei residenti e ai cambiamenti climatici.

A proposito di automatismi, ecco un dettaglio che farà felice chi odia gli sprechi. Un sistema domotico che sfrutta sensori di movimento saprà quando la casa è vuota, e dunque abbasserà la temperatura per evitare consumi inutili. Al contrario, chi volesse trovare un piacevole tepore al proprio ritorno a casa, dopo una serata passata al gelo, potrà attivare in anticipo il riscaldamento dallo smartphone ed evitare dunque disagi.

A testimonianza dell’estrema flessibilità e dell’integrazione del sistema con i tanti impianti di casa, si consideri come dopo poche settimane dall’installazione non sia più necessario variare personalmente la temperatura, durante il corso della giornata: il sistema domotico studierà lo spostamento del sole e regolerà di conseguenza altezza e inclinazione delle tapparelle per raggiungere la temperatura ottimale, evitando quando possibile di sfruttare il riscaldamento diretto.

feat4feat7