Come cambiano le scelte immobiliari degli italiani in base alla tecnologia

4

Classe energetica

State cercando una casa che vi consenta di dormire sonni più tranquilli sui costi di gestione e la tenuta del valore nel tempo, compiendo una scelta lungimirante e orientata al futuro? Acquistare una casa in classe energetica elevata A+, A o B (che nel 2017 hanno costituito il 60% delle compravendite di nuove costruzioni in Italia, secondo il rapporto ENEA) è una soluzione di cui non ci si dovrà mai pentire in futuro, ovviamente per chi ha la possibilità di investire qualcosa in più fin da subito, ammortizzandolo poi ampiamente grazie all’abbattimento dei consumi. Per questo la Residenza del Futuro di Gruppocasa a Magenta fa perfettamente al caso vostro!

Case nuove e usate: mercati a confronto

Se da un lato è vero che il mercato attuale è pieno di occasioni a basso prezzo, dall’altro la maggior parte di queste proposte immobiliari non possono garantire i vantaggi di una casa nuova, né in termini di risparmio energetico né per quanto riguarda le dotazioni tecnologiche della casa.

Chi sceglie le case più datate, spessoin classe G o F (bene che vada E) – in gran parte presenti nelle metropoli come Roma e Milano – risparmia sì all’inizio, ma poi deve quasi sempre mettere in conto una serie di onerosi interventi di ristrutturazione. Le nuove cubature, invece, rappresentano appieno la casa del futuro, perché provengono in quasi tutti i casi da interventi radicali di recupero e ricostruzione totale di aree abitative. Proprio perché negli ultimi anni questi cantieri di qualità sono stati realizzati nell’hinterland delle maggiori città, in queste zone oggi si trovano eccellenti occasioni per l’acquisto di una casa hi-tech.

5

Il cantiere di una casa nuova permette di impostare fin dalle fondamenta e dalle misure alcune caratteristiche determinanti per i futuri consumi energetici, come l’altezza dei soffitti e la coibentazione. Nei vecchi edifici, infatti, le spese per il riscaldamento incidono moltissimo sulle spese, costituendo la maggior parte del bilancio condominiale. Tra le nuove abitudini degli acquirenti che scelgono un immobile di classe elevata comincia a registrarsi negli ultimi anni un’interessante propensione a scegliere spazi esterni e comuni di qualità, come ampie terrazze abitabili oppure con aree verde ben studiate e valorizzare dal punto di vista illuminotecnico.

6

I vantaggi delle case tecnologiche: impianti e comfort

Quando pensiamo alla tecnologia immobiliare, quindi, non dobbiamo solo riferirci a tutti quei dispositivi hi-tech che fanno parte dell’arredamento di una casa già abitata, come un televisore LED o un apparecchio per gestire la domotica integrata, peraltro tra i fiori all’occhiello della Residenza del Futuro.

Occorre avere in mente la fondamentale fase della progettazione immobiliare sostenibile, a partire da impianti domestici più performanti che garantiscono minori costi di esercizio e maggior comfort termico all’interno, come la particolare cura dell’involucro con serramenti a tripli vetri, la scelta di energie rinnovabili (tra cui spicca la geotermia), le soluzioni per il ricambio d’aria gestito (ventilazione meccanica controllata) e il riscaldamento nel pavimento (sistema radiante) quest’ultimo con il vantaggio dell’assenza di caloriferi a vista,un importante risparmio di spazio.

Senza contare tutto il capitolo delle possibili personalizzazioni domestiche, garantite solo dalle case nuove grazie al rapporto diretto con il produttore e il cantiere in corso: chi sceglie il nuovo ha varie possibilità per intervenire sulla distribuzione degli spazi e sulle scelte previste dal capitolato, il documento ufficiale che contiene tutti i dettagli e le finiture previste per realizzare l’immobile, ad esempio la qualità e i materiali previsti per costruire pavimenti, rivestimenti e infissi.

featfeat3